Area Clienti Certificazioni Partner Il Gruppo News
IT | EN
"La complessitÓ Ŕ gestibile"
> SOLUZIONI IMPIANTISTICHE EFFICIENTI
> RECUPERI TERMICI
> FONTI RINNOVABILI
> DETRAZIONI E AGEVOLAZIONI FISCALI
Recuperi termici

RECUPERO CALORE LATENTE DA BANCHI FRIGORIFERI PER RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO



I sistemi di refrigerazione alimentare sono una tipologia di impianto largamente utilizzata nei supermercati, magazzini alimentari e nei macelli. Grazie agli impianti di nuova generazione esiste la possibilità di ridurre il consumo energetico e annullare il consumo per il riscaldamento invernale.

In cosa consiste il recupero calore per i supermercati?
All’interno dei supermercati convivono due esigenze:
- il riscaldamento invernale e la refrigerazione estiva a servizio degli acquirenti e del personale
- il raffreddamento durante tutto l’anno per gli alimenti stoccati e in vendita

Durante il periodo invernale è necessario refrigerare gli alimenti nelle celle di stoccaggio e nei banchi frigoriferi di vendita. Mentre il sistema di refrigerazione raffredda le celle frigorifere, produce calore e lo cede all’ambiente.
Grazie ad appositi impianti, è possibile dissipare il calore prodotto non in aria, ma attraverso un fluido, ovvero l’acqua che, di conseguenza, può essere accumulata e utilizzata per riscaldare gli ambienti.

Durante il periodo estivo, si può garantire il condizionamento degli ambienti sfruttando le diverse temperature di refrigerazione. Le celle frigorifere hanno, infatti, temperature di esercizio comprese tra i -8 e i -22°C. I sistemi di refrigerazione per gli ambienti necessitano di temperature del fluido refrigerante di +7°C. Il sovradimensionamento delle apparecchiature permette di effettuare un raffrescamento in cascata utilizzando un solo compressore.

Inoltre, è possibile stoccare il freddo, durante la notte, in appositi accumuli all’interno dei quali ci sono materiali bifasici che passano dallo stato liquido allo stato solido a temperature inferiori ai -5°C. Il processo legato al cambio di fase è estremamente energivoro: di notte le sfere contenuti negli accumuli assorbono energia congelandosi; di giorno passando allo stato liquido cedono l’energia accumulata permettendo il raffrescamento degli ambienti.

Per un utilizzo corretto del sistema di recupero, sia nel periodo invernale che nel periodo estivo, occorre che il progetto del sistema edificio-impianto tenga conto della coibentazione degli edifici, del tipo di sistema di riscaldamento (un sistema radiante è particolarmente indicato abbinato ad impianti di rinnovo e ricambio aria) e del corretto dimensionamento degli accumuli refrigerati e delle potenze dei gruppi frigoriferi.

In cosa consiste il recupero calore per gli stabilimenti di macellazione?
Gli stabilimenti di macellazione necessitano di grandi celle frigorifere per lo stoccaggio refrigerati. Durante la lavorazione della carne, ed in particolare alla fine del processo, è necessario lavare tutte le superfici (banconi di lavorazione e pavimenti in particolare) utilizzando un imponente quantitativo d’acqua. Il lavaggio è tanto più efficace e più veloce quanto più è calda l’acqua.
La soluzione per il recupero energetico è identica a quanto sopra descritto: l’ideale è l’inserimento di uno scambiatore ad acqua in parallelo a quello ad aria con il ventilatore. Se il recupero di calore ha già scaldato a sufficienza l’acqua, e il sistema di refrigerazione deve ancora smaltire calore, si attiva il ventilatore e si dissipa calore in aria. Il corretto dimensionamento di accumulatori di calore è fondamentale per il maggior sfruttamento possibile del sistema di recupero.

Quali sono i costi dei sistemi di recupero di calore?
Grazie a questa tipologia di impianto si possono ridurre sia i costi in fase di installazione, sia i costi di gestione; questo è possibile poiché non è più necessario installare ed acquistare generatori di calore per riscaldare l’acqua e perché, grazie al recupero di calore, si ha un azzeramento dei costi di riscaldamento ed una riduzione del 30-50% per la climatizzazione.
TORREGGIANI & C SpA Via O. Tenni 88/90 - 42123 - Reggio Emilia - Tel. +39 0522 560673 - fax +39 0522 569831 Capitale Sociale € 600.000,00 int.vers. - REA n. 123567- Attestazione SOA nr 1929/69/07 - CF e PI 00267150357
Attestazione SOA nr 1096/69/07
Privacy
Il sito web di Torreggiani & C. Spa non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto